Fichi secchi con la mandorla

Oggi mi sono lasciata emozionare dal profumo che usciva dal barattolo dei miei fichi secchi, l’odore di mandorle e limone e alloro  che mi hanno riportato alla mente vecchie storie raccontate dalla mia mamma di bambini buoni premiati con una manciata di questi splendidi dolci di altri tempi.
Ricordo la nonna Carmela che il giorno dei Morti tirava fuori il suo sacchetto bianco con i fichi secchi ricoperti di zucchero e li offriva a tutti , era quasi un mistero la preparazione di questi gustosi frutti.

I fichi della foto sono stati preparati da  Zia Nella:dopo averli fatto essiccare al sole,  con le mani aprire e stendere bene i fichi, mettere su una metà una mandorla tostata, un po’ di buccia di limone grattugiata, un po’ di cannella, un po’ di cioccolata grattugiata e coprirla con l’altra metà. Pressare tra le mani in modo che le due parti combacino perfettamente. Man mano che si chiudono, disporre i fichi ben serrati sulla placca del forno. Cuocere a 150° per dieci-quindici minuti fino a quando saranno dorati e, ancora caldi, sistemarli, pressandoli, in un boccaccio di vetro insieme ad alloro ,semi di finocchio, cacao e chiodi di  garofano. Far raffreddare completamente e poi chiudere ermeticamente i vasetti.

In questa occasione della festa di ogni Santo abbiamo gustato questi fichi della tradizione accompagnati dal Carpenè Malvolti Cartizze

Precedente Pangocciole Successivo Finocchi gratinati